Alan Ford #637 – Così è se vi piace

Cari lettori e non di Alan Ford, il nuovo numero original nelle edicole nostrane ci presenta la prima vera avventura di Alan Ford vedovo (?) della francesina Minuette. In copertina e in prima fila per accaparrarsi il biondino c’è Domitilla Scannagatti.

Cambio di prospettive

Sarebbe ipocrita negarlo: l’ingresso di Domitilla nella serie, temporaneamente o meno al fianco di Alan, indirizza la saga del nostro fumetto verso differenti vedute. Minuette ha sempre modificato la propria personale morale in piena considerazione del parere del suo innamorato. Domitilla è di tutt’altra pasta: amorale, disinibita, lasciva e con un arsenale di possibilità ben più ristrette. Probabilmente questo limite molto umano è la sua sostanziale diversità rispetto a Minuette.

La verità nel titolo

Così è se vi piace, titolo scelto dal boss Max Bunker per il nuovo inedito di Alan Ford, che richiama l’opera pirandelliana Così è (se vi pare), – a fronte di una copertina davvero deliziosamente estiva e fresca – è sin troppo emblematico: ancora una volta, come se ce ne fosse bisogno, l’autore ribadisce la propria posizione nei confronti dei detrattori della francesina e, in generale, del nuovo corso del suo fumetto. Pare volerci dire: invocavate un cambiamento? Non sopportavate Minuette? Vi accontento subito… a modo mio. Beccatevi Domitilla!

Alan Ford – 637 “Così è se vi piace” © aventi diritto

Defunta e dimenticata?

La vita continua, aveva suggerito Domitilla ad Alan per scrollarlo dal suo recentissimo lutto. Il biondo titolare della testata ha mostrato un comprensibile smarrimento, con la scomparsa di Minuette. Tuttavia, e qui i sentimenti tornano prepotenti, Alan Ford amava sinceramente sua moglie: piange e soffre in disparte. Considera il suo rapporto con Domitilla solo una possibile amicizia. Sfortunatamente, la soprano attrice non la pensa proprio alla stessa maniera e non si scolla da lui: la biondina rappresenta l’altro volto dell’universo femminile, un tipo di donna che incontriamo facilmente e che mira a rubare il partner della rivale.

Prima di lei

La Scannagatti può sostituire Minuette nell’albo? A breve termine, poiché non possiamo conoscere le intenzioni di Max Bunker per il futuro prossimo, il boss pare pensarla proprio così. C’è da ricordare che Domitilla chiede la mano di Alan persino prima della francesina, seppur per motivi d’interesse. Una delle marcate differenze tra le due pretendenti è che la soprano attrice si dimostra ben più fallibile di Minuette. Qui Domitilla accetta la scellerata proposta da parte di uno stagionato vampiro, ma se lo stesso tentasse di mordere il collo a Minuette, come ben sappiamo noi lettori, finirebbe bruciato dal sangue della francesina.

La storia del numero

Un anziano vampiro in disarmo ambisce a succhiare il collo alla bionda soprano attrice, ma la faccenda prende presto una piega imprevista. Alan deve reagire al rapimento di Domitilla e, per togliere le castagne dal fuoco, ricorre al supporto del Numero Uno. Senza rivelare troppi particolari, Domitilla riguadagna la propria libertà, torna sul set accompagnata da Alan Ford. Tra i due scatta un baciocinematografico. Lo sfondo di celluloide prepara il campo al prossimo numero, con la ribalta di Sua Eccellenza il Numero Uno.

Max Dixit! e altro

In due paginette di Max Dixit! il boss ribadisce il suo pensiero fortemente contrario a cedere i diritti cinematografici di Alan Ford. E soprattutto espone le proprie perplessità all’atteggiamento di alcuni lettori che, complice anche l’aumento di prezzo per la nefasta situazione della carta, hanno abbandonato la testata. Il futuro di Alan è incerto: se la situazione non migliora potrebbe sfociare nell’abbandono delle edicole a favore della vendita per abbonamento, o di qualche altra iniziativa per mantenerlo in vita.

Il prossimo mese…

Dario Perucca, responsabile completo di matite e chine del numero in edicola ora e che potrebbe “saltare” il prossimo, si sbizzarrisce in una copertina che ci regala un Sua Eccellenza scatenato. Nell’immagine si nota l’assenza del biondo Alan e la presenza, per l’evidente parte cinematografica, di Domitilla.

Alan Ford – 637 “Così è se vi piace” quarta di copertina © aventi diritto

Imprevedibile come sempre il Numero Uno fa una strage e il noster semper voster Max Bunker se la gode tra pistole, pugnali e donne fatali!

(Redazionale – da Alan Ford #637)

Il giudizio sul numero seicentotrentasette

La sceneggiatura è davvero buona, con qualche battuta effervescente e una trama divertente. Si nota che Max Bunker ha abbandonato, almeno al momento, il nonsense a favore di una trama ben congegnata. Domitilla Scannagatti può piacere o meno ma è caratterizzata in modo perfetto: incarna i vip cinematografici, i loro tic e la loro volubilità, l’effimera personalità e l’attenzione rivolta all’apparenza. Domitilla è un personaggio pienamente azzeccato, raffigura quello che molte nuove generazioni moderne inseguono: il transitorio e la pochezza di spirito. I disegni e le chine, come scritto sopra, sono ancora piena responsabilità del bravo Dario Perucca. L’albo è apprezzabile e indubbiamente da sostenere: Alan Ford è una delle poche perle nostrane artigianali che si evidenzia per personalità e originalità! Compratelo in massa!

Io ho da annà a chiudè Domitilla ner so camerino cor’a discografia de Gigi D’Alessio ner walkman scocciato ae orecchie sue.

Noblesse oblige!

Onofrio marchese Del Grillo

Ognuno co’ ‘a farina sua ce fa li gnocchi che je pare.
(Onofrio Del Grillo)

2 pensieri riguardo “Alan Ford #637 – Così è se vi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...